Menu

Poitou-Charentes: sempre all’attacco, e una vittoria sfiorata

Tour Poitou-Charentes
1^ tappa: Confolens-Matha

Certo, quando si arriva a un soffio dalla vittoria un po’ di delusione c’è. Ma dura poco, perché basta guardarsi attorno per accorgersi di aver fatto comunque qualcosa di bello: per la squadra, per i tifosi, per gli sponsor, per noi stessi.

Ecco, allora la prima tappa del Tour Poitou-Charentes, 195 km da Confolens a Matha, può essere riassunta così: siamo arrivati a un passo. A un passo dalla vittoria con Lonardi battuto in volata solo da Soren Waerenskjold, a un passo dalla maglia di leader della montagna con Sevilla secondo. Ma ci abbiamo provato come sa fare solo una grande squadra.

Raccontiamola, questa tappa. Anzi, facciamola raccontare da chi l’ha vissuta in ammiraglia come Stefano Zanatta: “Siamo partiti con l’idea di prendere subito punti per i GPM visto che ce n’era uno dopo pochi chilometri: l’idea era quella di mandare David Martìn che è più veloce e sarebbe stato adatto a queste salite corte, dopo il primo GPM in cui David è arrivato terzo è partita una fuga in contropiede in cui Diego Sevilla è stato come sempre bravissimo a inserirsi. Ha lottato ed è stato davvero bravo, e fino a 15 km dall’arrivo si è messo in mostra e fatto punti per i GPM. Poi sono entrati in scena gli altri, prima Pietrobon e Bevilacqua e poi Maestri, che hanno guidato David e Lonardi negli ultimi chilometri portandolo nelle migliori posizioni. Poi ci ha provato, ma ha trovato qualcuno più forte di lui: questo secondo posto lo premia per i sacrifici che sta facendo e per la condizione che ha raggiunto. La squadra c’è, e questa è la cosa più importante: siamo partiti benissimo, continuiamo così per i prossimi giorni”.

Giovanni Lonardi: “Oggi è andata bene ed è stata una giornata quasi perfetta: è mancato davvero pochissimo per la vittoria. La squadra è stata splendida abbiamo fatto un lavoro meraviglioso fino a 500 metri dalla fine, poi ho preso la ruota del corridore che alla fine ha vinto, forse ho aspettato qualche secondo di troppo per partire e non sono riuscito più a rimontarlo. Ma la gamba è ottima e ogni giorno è buono per provarci: anche domani”

Diego Sevilla: “Giornata davvero dura per il caldo, la fuga è andata via subito e sono riuscito a prenderla. Ho cercato di fare punti e di prendere abbuoni ma sono sempre arrivato secondo in tutti i traguardi. Però sono contento perché sto bene e sono molto fiducioso per i prossimi giorni”.

Dopo la tappa di oggi in classifica generale Lonardi è terzo e Sevilla è quarto, mentre la classifica dei GPM vede Sevilla al secondo posto.

POLTI KOMETA
AURUM VISIT MALTA
GSPORT EOLO SKODA SOLO CAFFE
ENVE KASK BURGER KING SIDI KOO OLIVA NOVA LOTTO
CHIARAVALLI VITTORIA EMEN4SPORT LECHLER BRICS BKOOL PROLOGO ELITE LOOK SVITOL TRAININGPEAKS LACASADELFISIO SPORTLAST VELOTOZE BETA Honest Food