Menu

Airapadrón rivoluziona la Volta con Lucas Bagnara e Antonio González all’avanguardia

21ª Volta Ciclista a Galicia
Tappa 2: A Pobra do Bollón – A Pobra do Bollón (148 km)

Un grande setaccio nella lotta per la classifica generale di questa Volta a Galicia causato dalla catena di A Casela e Airapadrón. Le salite della Serra do Courel hanno rivoluzionato l’evoluzione di una tappa che è mutata nella seconda delle salite della lotta di una fuga di cinque uomini che è arrivata ad avere più di quattro minuti di vantaggio sul polso dei postulanti al trionfo nella corsa, iniziata da Luca Bagnara, e di altri quindici corridori che mantengono le loro opzioni. La tappa, con una fuga della fuga della fuga, è andata a Pablo Ara (Rias Baixas), mentre Martín Rey (Cortizo) è il nuovo leader della corsa.


Bagnara, Samuel Fernández (Caja Rural), i corridori del “Cortizo” Martín Rey e Pablo Bonilla e successivamente Pablo Ara avrebbero affrontato la parte finale della tremenda salita di Lugo. Una mossa di Samuel Fernández e Pablo Ara ha smantellato il gruppo, che si è ricompattato in discesa senza la presenza di Bagnara. L’italiano, già tra gli inseguitori, ha cercato di impostare l’inseguimento con Antonio González, senza successo. Sia Bagnara che il corridore di Soria, tuttavia, hanno provato a spingere in avanti per cercare di raggiungere il leader della corsa. Non è stato possibile e hanno finito per arrivare nel gruppo degli inseguitori con un minuto di ritardo, ma le possibilità di classifica generale sono ancora vive grazie alla durezza della terza tappa e all’eliminazione di alcuni corridori importanti nella lotta per la classifica generale.

Bagnara parte come miglior classificato, quinto a 1’02”, mentre Gonzalez, inizialmente quinto, inizierà la giornata dodicesimo, a 1’19”, dopo essere stato punito con 20″ di penalità per essersi rifocillato a 19 chilometri dall’arrivo… in una tappa di montagna con enormi difficoltà dovute al percorso, strade strette, curve continue, durezza importante, per mantenere i corridori idratati. Le regole sono le regole. E il criterio è il criterio. “È stata una gara molto impegnativa, soprattutto per il percorso molto nervoso su strade molto accidentate”, dice Bagnara. “Ma è andata anche molto bene, perché le sensazioni erano buone e le gambe hanno risposto”.

Antonio González: “È stata una giornata molto dura. Airapadrón è stata dura, ma ancora di più lo è stata la tappa a catena precedente. Una zona di strada molto disastrata dove sembrava che la bici non avanzasse, con pendenze costanti e pochissime pause, se non nessuna. È stato un peccato che Luca sia stato tagliato fuori dai primi e che nell’ultima parte della giornata abbiamo dovuto remare da dietro, ma le corse sono così e così vengono. In ogni caso, abbiamo avuto un ottimo feeling con la moto per tutto il giorno e siamo molto fiduciosi per domani”.

Questo sabato è la tappa principale, curiosamente con pochi passaggi punteggiati, ma una salita molto dura ad A Moa nel primo terzo, un’incursione di diverse decine di chilometri attraverso un terreno complicato da gestire e un arrivo alto come culmine dove gestire l’usura accumulata. Una grande tappa. “Speriamo che la classifica generale finale si decida probabilmente qui, speriamo che le sensazioni rimangano le stesse e che sia io che tutta la squadra possiamo fare bene”, dice Bagnara. E González aggiunge: “La tappa è molto dura e la corsa sta per esplodere. Dobbiamo almeno provarci, perché sentiamo di essere in un grande momento”.

[? Asier Torrado / Federación Galega de Ciclismo]

POLTI KOMETA
AURUM VISIT MALTA
GSPORT EOLO SKODA SOLO CAFFE
ENVE KASK BURGER KING SIDI KOO OLIVA NOVA LOTTO
CHIARAVALLI VITTORIA EMEN4SPORT LECHLER BRICS BKOOL PROLOGO ELITE LOOK SVITOL TRAININGPEAKS LACASADELFISIO SPORTLAST VELOTOZE BETA Honest Food Pedranzini