Menu

Sergio Calvo vince la finale assoluta della Volta a Girona

Volta a Girona
8º Gran Premi Vila de Ripoll: Setcases - Vallter 2000 (14 km CRI)

Una cronometro tra Setcases e Vallter 2000, un passo di montagna abituale della Volta a Catalunya con numeri di tutto rispetto in termini di durezza, lunghezza e altitudine, ha ospitato questo lunedì di festa la chiusura della Challenge Volta a Girona con un grande ruolo di Sergio Calvo. Il corridore galiziano, che ha concluso la tappa al secondo posto, è riuscito a chiudere di sette secondi la leadership definitiva della corsa catalana.


La cronometro è stata vinta da Adrià Pericas (Europa Tadesan), che ha fermato il cronometro a 35’29”. Sergio Calvo ha chiuso a 41 secondi, unico corridore in grado di rimanere a meno di un minuto. Da lì in poi, le differenze sono state importanti, vista l’entità della salita. Grande prestazione di Miguel Domínguez, nono nella tappa; un risultato che rende ancora più amaro il suo problema meccanico di domenica, quando era molto ben piazzato nella classifica generale.

Sergio Calvo: “Che salita dura! Fortunatamente siamo riusciti a salvarla nel miglior modo possibile. Ma è stata molto dura. È stata una cronometro micidiale, bisognava saper gestire bene gli sforzi perché se si arrivava proprio negli ultimi tre chilometri, che erano molto duri, si poteva perdere molto tempo. Nella mia zona ci sono salite molto dure, come Cabeza de Manzaneda o El Sestil, ma il ritmo non è lo stesso in gara e fuori, e proprio per questo Vallter 2000 mi è sembrata straordinaria. La Volta a Girona è stata una gara davvero dura”.



Gorka Beloki, team manager: “La Volta a Girona è stata una gara molto più impegnativa di quanto inizialmente previsto, con le modifiche dovute a problemi di traffico. Ogni giorno è stato difficile, il primo giorno con il tempo avverso. La salita a cronometro alla fine è stata molto, molto dura, una bella esperienza per la categoria, e ci sono stati momenti molto interessanti, soprattutto perché si trattava di partire e iniziare a salire. Sergio è un prodigio della fisica, deve continuare a imparare a pedalare, ma ha grandi qualità. I suoi compagni di squadra gli hanno dato molto sostegno fin dal suo arrivo e in questa gara gli hanno dato un enorme supporto, hanno fatto un lavoro fantastico”.

POLTI KOMETA
AURUM VISIT MALTA
GSPORT EOLO SKODA SOLO CAFFE
ENVE KASK BURGER KING SIDI KOO OLIVA NOVA LOTTO DINAMO
CHIARAVALLI VITTORIA EMEN4SPORT LECHLER BRICS BKOOL PROLOGO ELITE LOOK SVITOL TRAININGPEAKS LACASADELFISIO SPORTLAST VELOTOZE BETA Honest Food