Menu

Protagonismo in Valdefresno, lotta instancabile sulla strada di Llucena

Tre corridori nella top ten di una gara in cui una piccola fuga è riuscita a contrastare il gruppo con un margine di tredici secondi nell’edizione 2023 del Trofeo Municipio di Valdefresno. Miguel Domínguez, sesto, Mario Gómez, ottavo, e Balint Feldhoffer, decimo, erano all’avanguardia del gruppo di inseguitori che non è riuscito a prendere Juan Hermosa (Recambios Callejo) e Mateo Ramírez (Ciudad de Talavera). Anche Héctor García non ha potuto essere presente dopo un ottimo lavoro.

Héctor García è stato il protagonista della fuga, guidando la testa della corsa per molti chilometri. Il corridore di Murcia, alla fine, non è riuscito a rimanere davanti e a inserirsi nella lotta, ma ha potuto mettere in pratica tutti i suoi sforzi della giornata con la vittoria nella classifica generale dei traguardi volanti. La squadra ha offerto una grande prestazione in una gara in cui il vento era molto presente e in cui i sei membri della squadra si sono classificati tra i primi venti corridori del gruppo.


“È stata una corsa molto veloce, con i tifosi, e credo che la squadra si sia comportata molto bene durante tutta la giornata. Héctor è stato in fuga tutto il giorno, peccato che sia rimasto alla fine”, ha detto Miguel Domínguez, primo dei corridori in blu al traguardo. “Dal gruppo, due corridori che erano usciti dal gruppo hanno ripreso quelli che erano in fuga. Nell’ultimo passaggio, a 100 metri dalla vetta, hanno lasciato andare me e un altro corridore e non siamo riusciti a raggiungerli”, ha detto Héctor García.


Nel Trofeo Mas de la Cosa de Llucena, terza prova del Trofeo Víctor Cabedo 2023, Manuel Sanroma si è classificato dodicesimo in un’altra gara in cui l’avanguardia ha trionfato in una corsa che è esplosa nelle salite prima dell’Alto de Infantería, alla base dell’evoluzione della corsa. Pablo Torres (Sanse) ha battuto sul traguardo Adrià Pericas (Europa-Tadesan), entrambi erano stati tra i corridori offensivi su quella salita e hanno formato un gruppo in testa con una presenza azzurra.


Una prima ora frenetica, a una media di oltre 43 km/h, che ha avuto le sue conseguenze, concretizzate in una moltitudine di piccoli gruppi. Una gara spezzata, insomma, una gara da manuale. Balazs Pollner faceva parte di una fuga di cinque corridori che, a metà gara, aveva due minuti di vantaggio su un gruppo in cui, però, c’erano molte fughe.

“La media della prima ora è stata molto alta, abbiamo corso molto velocemente. Abbiamo avuto Balazs davanti in una mossa molto interessante, ma con l’arrivo del terreno più impegnativo la corsa è saltata. La salita di Infanterie, molto dura, è stata il tocco finale. Una situazione di forze e stati di forma in cui alla fine ognuno è al suo posto”, ha commentato Isaac Cantón, direttore della corsa di Castellón.


“Mi sono sentito bene per tutta la giornata. All’inizio ero un po’ spaventato da alcune discese e ho preferito pedalare più rilassato, poi sono salito in testa per aiutare i miei compagni di squadra e pedalare con più sicurezza nel gruppo. Poi si è formata una fuga e sono riuscito a rimanervi, ma nella parte finale non avevo più gambe per seguirla e mi hanno ripreso da dietro molto vicino alla fine”, ha spiegato Balazs Pollner.

POLTI KOMETA
AURUM VISIT MALTA
GSPORT EOLO SKODA SOLO CAFFE
ENVE KASK BURGER KING SIDI KOO OLIVA NOVA LOTTO
CHIARAVALLI VITTORIA EMEN4SPORT LECHLER BRICS BKOOL PROLOGO ELITE LOOK SVITOL TRAININGPEAKS LACASADELFISIO SPORTLAST VELOTOZE BETA Honest Food