Menu

Maestri, un podio che consola

Giro Città di Reggio Calabria
162,5 km

Un terzo posto per Mirco Maestri, bravo a buttarsi in volata (lui che non è uno sprinter puro) nel gruppo ristretto di 11 corridori che è arrivato a giocarsi il Giro Città di Reggio Calabria: questo quanto raccolto dalla EOLO KOMETA dopo una giornata da protagonisti, per cercare di mettere Albanese nelle condizioni di vincere. Alla fine l’ha spuntata Johnatan Restrepo (GW Shimano-Sidermec) davanti a Tivani (Team Corratec), dopo che il gruppetto di attaccanti è riuscito ad avvantaggiarsi sul gruppo sulla seconda salita di giornata (quella del Colle Sant’Elia). La corsa era esplosa sul primo GPM proprio grazie all’azione della EOLO KOMETA: l’obiettivo era quello di mettere in difficoltà i velocisti più forti, e infatti con il lavoro degli uomini in blu i vari Viviani, Colnaghi e Forelli sono andati in difficoltà. Sulla discesa successiva è continuato l’attacco di squadra capace di creare un gruppetto di 15 corridori di cui ben 5 della EOLO KOMETA, prima che una foratura capitata a Maestri ha permesso al gruppo di rientrare. Poi l’ultima salita, e i continui attacchi che hanno tagliato fuori Albanese con Maestri che ha provato a giocarsi la volata conquistando il podio.

Photo Tommaso Pelagalli/SprintCyclingAgency

Stefano Zanatta: “Abbiamo cercato fin da subito di fare la corsa, prendendo forte la prima salita per mettere in difficoltà i velocisti. Poi abbiamo continuato ad attaccare anche in discesa ma purtroppo Maestri ha forato e Pietrobon ha dovuto dargli la sua bicicletta, e il gruppo ha potuto rientrare. Sull’ultima discesa i continui attacchi hanno formato questo gruppetto di 11 con Mirco che ha provato a fare la volata: il podio ci consola un po’ per quella che forse è un’occasione persa. Ma va bene così”.

Mirco Maestri: “Secondo me abbiamo corso bene, l’obiettivo era quello di fare corsa dura per scremare il gruppo e la corsa si è decisa sull’ultima discesa. Io l’ho fatta sempre davanti perché temevo che il gruppo si rompesse e infatti così è successo, mi sono trovato con altri 10 corridori e non ho mai dato il cambio perché sapevo che dietro c’era Albanese che poteva rientrare. Poi quando abbiamo preso un minuto di vantaggio ho badato a non restare tagliato fuori e a stare attento agli attacchi. In volata ci ho provato, ma Restrepo ha fatto un bello sprint mentre Tivani l’ho passato subito dopo la linea d’arrivo: forse sono partito un po’ troppo tardi, ma va bene comunque così”.

POLTI KOMETA
AURUM VISIT MALTA
GSPORT EOLO SKODA SOLO CAFFE
ENVE KASK BURGER KING SIDI KOO OLIVA NOVA LOTTO
CHIARAVALLI VITTORIA EMEN4SPORT LECHLER BRICS BKOOL PROLOGO ELITE LOOK SVITOL TRAININGPEAKS LACASADELFISIO SPORTLAST VELOTOZE BETA Honest Food Pedranzini