Menu

Andrea Montoli sopravvive a La Desesperá e conquista il sesto posto assoluto in Extremadura

Vuelta Ciclista a Extremadura (2.12.2)
Tappa 2: Talayuela – Jarandilla de la Vera (153,8 km)

La durezza di La Desesperá, la salita più dura dell’attuale edizione del Giro dell’Extremadura, ha fornito come previsto una grande selezione nello sviluppo della seconda tappa, quella finale di Jaraíz de la Vera dove, in un gruppo di trenta corridori, ha vinto l’uruguaiano Thomas Silva (Caja Rural) con l’ottavo posto di Andrea Montoli. La classifica generale provvisoria vede l’ascesa di Pablo Carrascosa dell’Extremadura, mentre Montoli è sesto, a dieci secondi di distanza.

La posizione di questa salita, molto intimidatoria per i suoi quattro chilometri di grande durezza, molte rampe a due cifre e un chilometro con una pendenza media di quasi il 12%, invitava a mettere in campo strategie, ma nonostante i numerosi tentativi che hanno messo alla prova la fuga nei primi chilometri, nessuno di essi si è consolidato. Una dinamica di movimenti in cui la struttura U23 della Fondazione Contador aveva Gabriele Raccagni come uno dei ciclisti più attivi.

Un quartetto formato da Ismael Guzmán (Gomur), Aitor Bugarín (Rias Baixas), Josúe Gómez e Josep Tomas (Netllar-Alé) ha finito per accumulare un margine di oltre un minuto, ma le percentuali di La Desesperá hanno invitato al raggruppamento. E prima dell’inizio della corsa si è concretizzato. Sulla salita, coronata negli ultimi 30 chilometri, David Delgado (Cortizo) è stato l’embrione di una testa della corsa che, già in discesa, è cresciuta inizialmente con Thomas Silva (Caja Rural), Pablo Carrascosa e Jorge Gutiérrez (Finisher Team) per poi arrivare a trenta corridori. Tra questi, Andrea Montoli. Un gruppo di trenta corridori che ha divorato l’avvicinamento a Jaraíz in una dinamica di accelerazioni, offensive e controffensive in cui Samuel Fernández ha sfiorato la vittoria ma il suo compagno di squadra Silva ha finito per vincere.

Montoli è stato coinvolto nel finale ed è riuscito a conquistare la sua prima top ten della stagione e a consolidare la sua posizione in testa alla classifica. “Sono contento perché è la prima top ten dell’anno, anche se sono un po’ arrabbiato perché il direttore ci aveva chiesto di tenere d’occhio Silva, soprattutto nella parte finale della gara. Fino a circa 300 metri dalla fine sono riuscito a eseguire l’ordine, ma all’ultima curva un corridore ha sbagliato la traiettoria, ha creato un varco e per me è stato impossibile coprirlo. La Desesperá è stata molto dura, l’ho trovata una salita molto impegnativa. Ho dovuto fare del mio meglio, andando più rilassato nella prima parte della giornata, ma ho sofferto un po’ nella parte più dura. Sono rimasto calmo, con un buon ritmo, e mi sono rimesso in carreggiata nella discesa. Ora pensiamo alla tappa di domani”.

La Vuelta a Extremadura affronta la sua metà questo venerdì con una tappa a priori favorevole a uno sprint, ma non priva di salite ripide e del pericolo del vento, che si snoderà da Arroyo de la Luz a Valencia de Alcántara, molto vicino al confine con il Portogallo. Un viaggio di 129 chilometri.

POLTI KOMETA
AURUM VISIT MALTA
GSPORT EOLO SKODA SOLO CAFFE
ENVE KASK BURGER KING SIDI KOO OLIVA NOVA LOTTO
CHIARAVALLI VITTORIA EMEN4SPORT LECHLER BRICS BKOOL PROLOGO ELITE LOOK SVITOL TRAININGPEAKS LACASADELFISIO SPORTLAST VELOTOZE BETA Honest Food Pedranzini